Frase chiaroveggente dell’artista Andy Warhol sugli ex frequentatori del Bar Sport che oggi giocano alla dietrologia politica nei loro contorti blog.