Invidio il cardinale Scola che ha capito cos’è la normalità. E questo nonostante Egli faccia parte di uno strano gruppo di individui che indossano vesti svolazzanti, predicano la spiritualità, ma hanno la tendenza ad abbuffarsi, implorano la carità e negano funerali e ostie ai divorziati, tengono a freno (o per lo meno cercano) certi istinti naturali.

Una sola domanda: quanti figuranti avranno ingaggiato per riempire la fiera di famiglie all’apparenza “normali”?

Advertisements